fbpx
+ 39 3480723256 – info@phoenixstudiodance.com

I Balli popolari del Folklore Cubano


I Balli popolari del Folklore Cubano
IL BLOG DELLA DANZA DI PHOENIX STUDIO DANCE

Dopo la rivoluzione cubana del 1 gennaio 1959, nascono i primi gruppi di istruzione di queste discipline, ossia dei Balli popolari del Folklore Cubano, fino a creare le distinte istituzioni di gruppi folklorici e programmi di formazione e specializzazione folklorica, attraverso la nascita delle prime accademie.

Don Fernando Ortiz fonda il movimento Afro Cubano in Cuba e, da buon etnomusicologo, inizia un lunghissimo studio viscerale di ognuna delle arti musicali e danze antiche presenti sul territorio cubano, in particolare di tutte quelle che affondano le loro antiche radici fino al continente nero.

I gruppi folklorici non rappresentavano balli religiosi, ma danze popolari; per vedere balli religiosi (afro) bisognava partecipare ad una festa di paese.

La prima volta che si formò una vera scuola di arte cubana, venne integrato anche il folklore: il Folklore di tutti i Paesi con nozioni di base di tutti i balli internazionali.

Quando si ottiene un’infarinatura generale di tutto questo, si ottiene una formazione basica di tutto ed una consapevolezza del ballo sotto il piano Globale.

Lo studio del folklore cubano possiede perciò un sistema di formazione, non è un ballo religioso, non è solo un ballo propriamente Afro.


La parola Folklore significa infatti “tradizione del popolo” ed è composta proprio da queste due parole: 

  • Folk=popolo
  • Lore=tradizione

DI QUALSIASI TIPO DI FOLKLORE DI UN LUOGO BISOGNA SAPERE: identità nazionale, culturale, musicale, danzaria e religiosa.

Il grandissimo recipiente dei Balli Popolari del Folklore Cubano, sono tutti balli di carattere propriamente popolare che si dividono in:


Balli Popolari da Sala o Salon

(appartenenti inizialmente solo all’alta aristocrazia)

Il ballo da sala ha una caratteristica nel ritmo, si chiama ritmo del cinquillo cubano, ed è un ritmo che ha incrementato la musica cubana fino ai giorni nostri (da non confondere però con la “cascara”).

Tutta la musica cubana di ieri e di oggi, viene oltremodo caratterizzata dai seguenti ritmi: terzillo, cinquillo, sincopa e contratempo.


Balli Popolari

  • Mambo
  • Cha cha cha
  • Pilon
  • Casino cubano (danza che ha dato vita alla attuale salsa cubana o Timba)
  • Chahonda
  • Dengue
  • Mozambique
  • Conga Habanera
  • Conga Santiaguera
  • Coyudde

Tutti i nuovi stili di balli popolari da sala e popolari generici diventano di diffusione capillare sul territorio del Paese caraibico, ma allo stesso tempo come per molti altri stili apparsi allora per il Mondo, soprattutto appartenenti al ballo di coppia, verranno inizialmente etichettati da una parte di opinione pubblica e dalle istituzioni come troppo sguaiati e scabrosi.
Una cosa analoga che avvenne anche durante la nascita del Flamenco in Spagna o del Tango Argentino a Buenos Aires.


Ciclo della Rumba

La Rumba Cubana ed i suoi relativi stili nascono a Cuba nella zona geografica compresa tra le città dell’Havana e quella di Matanzas, nei quartiere marginali e poveri, venne utilizzata anche come metodo di protesta contro il governo, contro gli abusi sociali e di discriminazione.
E’ una manifestazione che nasce spontaneamente e naturalmente nei quartieri delle città cubane.

La Rumba ha influenze ispaniche ed africane, elementi Iberici con ritmi percussivi provenienti dall’Africa, anche se tutto poi è stato infine creato a Cuba.

La Rumba risiede anch’essa all’interno dei balli popolari con tutto il suo insieme denominato Ciclo de La Rumba che è un insieme di stili di Rumba, i quali includono:

Esistono poi altri stili che prendono forma, esistono e si appoggiano su ritmi esistenti:

  • Rumba MIMETICA che appoggia sul ritmo YAMBU’
  • Rumba JIRIBILLA che appoggia sul ritmo della COLUMBIA.

Nel complesso rumbero troviamo come strumenti musicali: 

  • la clave cubana
  • 3 Cajones
  • 1 Katà
  • Col tempo si sono poi aggiunti il Checherè (conosciuto a Cuba come Guiro)

Quando i 3 cajones principali (simili a quelli del flamenco) vengono sostituiti da altri tamburi, usiamo allora altri 3 tipi di percussioni:

  • la tumbadora (tamburo grande)
  • il tres dos (medio)
  • ed il quinto (piccolo ma molto acuto).

Resta il fatto che nella rumba si possono inserire molti altri strumenti (ma solo percussivi).

Lo strumento guiro appartiene allo Yoruba (che lo chiama chekere) ed i più grandi musicisti di rumba erano neri (e lo sono tutt’ora).

Una cosa fondamentale è che in nessuno degli stili della Rumba si balla la prima parte, che è costituita dall’introduzione, la quale solitamente è solo cantata, dove il cantante espone un contenuto che potrebbe essere comico, un fatto reale, una barzelletta, un corteggiamento, una storia d’amore, un fatto politico, ecc.

Questa introduzione prende il nome tecnico di DIANA, proveniente addirittura dall’antico Egitto come parola, ha il significato intrinseco del lamento schiavo, come ad esempio il lamento Gitano molto presente nel Canto e nel ballo del Flamenco (stile molto simile alla Rumba dal punto di vista introduttivo del cantante).

Yambù, Columbia, Guaguancò, si ballano, cantano e suonano differentemente, poiché sono: ritmi e danze differenti.

La prima parte DIANA è la parte più importante del cantante in cui egli si esprime a seconda del tema che preferisce, può parlare di un amore o di una situazione politica o di altri temi più leggeri.

La risposta all’introduzione del cantante, nella quale interagisce il coro, si chiama: “Lalaleo”, qui il coro fa da appoggio al cantante solista fino al momento in cui arriva il “vero coro” chiamato “ritornello”

Ed è proprio nel ritornello che si comincia a ballare, in base al ritmo che sentiamo.

Non si riesce a capire esattamente l’anno di nascita storico della rumba e dei suoi relativi stili, quello che sappiamo è che nascono tutti nelle zone emarginate delle città, in nome di tutta la sua passione, del dolore e persino dei morti cubani avvenuti per questa corrente artistica, oggi la Rumba è patrimonio artistico nazionale cubano ed immateriale dell’umanità, garantita dall’UNESCO.

E’ bello pensare come recita un detto cubano riguardo ai ritmi della rumba riflessi nel ballo, in questo modo:

  • Nel Yambù si corteggia la dama (ritmo tranquillo e movimenti ben definiti)
  • Nel Guaguancò si vacuna la dama (l’uomo approccia in maniera un po’ più spinta)
  • Nella Columbia arriva il marito della dama (un’uomo danza al ritmo vertiginoso dei tamburi della rumba generando passi sincopati e movimenti bruschi del torace e degli arti), in questo stile vengono inoltre utilizzati oggetti come coltelli, macheti, bottiglie, bende sugli occhi, candele ed altri ancora.

Danze Campesine o “Estampas Campesina”

Estampas campesina: in queste danza il terzinato e il cinquillo sono sempre presenti.
I ritmi che caratterizzano le Danze Campesine, sono quelli delle regioni contadine, i Guateque erano feste rurali nelle quali venivano molto sfruttate queste danze.
Nelle feste campesine si ballava Son e tutta la musica guajira prodotta dai contadini di tutte le regioni cubane soprattutto della zona Orientale, le feste si chiamavano Guateques; tutt’oggi le feste campesine (i guateques) esistono ancora.

  • Zapateo Cubano 
  • Zapateo Camagüeyano 
  • Karinga 
  • Papalote (aquilone) 
  • Zumbantonio 
  • Gavilán (ape predatrice)
  • Sucu Sucu de la Isla de la Juventud (a sud di cuba)
  • Regina 
  • Nengon
  • Changuì 
  • Son Tradicional
  • Son urbano (o habanero) 
  • Son de varietà (chiamato anche: Son cabaret, Son popolare, o Son di linea).
  • Son Montuno
  • Cismosa
  • Pulebra
  • Papellon
  • Guaracha

Danze Afro-Cubane

(nate e sviluppate a Cuba ma con salde origini africane)

Probabilmente le danze che in passato hanno maggiormente contribuito ai fenomeni di sincretizzazione artistica, culturale e religiosa avvenuta a Cuba sia durante che da dopo l’abolizione dello schiavismo.

  • Danze di origine Franco Haitiana
  • Danza di origine Carabali
  • Danza di origine Dahomeyana
  • Danza di origine Congo Bantù
  • Danza di origine Yoruba

Nello specifico, ecco un breve resoconto delle danze di origine africana sopra citate:

DANZE FRANCO-HAITIANE
La Danza Franco Haitiana (proveniente dalla Francia e da Haiti), si sviluppa nella parte Orientale di Cuba: comprende anche Tumba francesa che ha dentro: Yubà – Masul – Frentè, Gagà – Merengue Haitiano – Tajona.
La marimbola è uno strumento africano importante nella cultura pop e folk, che troviamo dentro anche alle danze franco-haitiane.

DANZA di ORIGINE KARABALI’ – ABAKUA’
Proveniente dalla Regione del Carabali (attuale Camerun).
Danze: Abakuà e della relativa figura dell’Hireme.
A Cuba chi appartiene a questa etnia religiosa si chiama Gnagnigas = danza gnagnigas/abakuà, la danza in costume è come menzionato quella dell’Hireme o del Diablito.

DANZA di ORIGINE DAHOMEYANA
Danza origine Dahomeyana (proveniente dall’attuale regione del Benin): conosciuta a Cuba come Ararà (parte Matanzas).
A Matanzas le percussioni dell’Ararà vengono suonate con le bacchette.

DANZE di ORIGINE CONGO-BANTU’
Regione del Congo e della tribù Bantù.
A Cuba le persone appartenenti alle religioni come la “Regla del Palo Monte”, provenienti da queste regioni, vengono chiamate Paleros. 
All’interno della danza di origine Bantù (parliamo di quelle che sono nate a Cuba, perché in Africa si ballano in modo differente) vedremo il ritmo e la Danza Yuka, della Makuta e del Palo
All’interno della Danza del PALO, troviamo inoltre il Palo MANI’ e Palo GARABATO (tutti e 3 stili differenti l’uno dall’altro).
Gli strumenti che accompagnano la danza Bantù sono: 

  • mula
  • cachimba
  • caja (tipo cajon)
  • 1 katà
  • guataca
  • Il cantante viene chiamato gallo 
  • ed il coro basayo.

A Matanza le percussioni del Palo vengono suonate con le mani.
Timba è una parola di origine Bantù, come tutte le parole che finiscono in “…imba”.

DANZE di ORIGINE YORUBA

Essendo una delle radici più profonde e significative del folklore di Cuba, questa disciplina esige maggiore spazio di approfondimento, ecco qui sotto il collegamento diretto alla pagina delle danze YORUBA degli ORISHAS e della SANTERIA CUBANA.


NOTIZIA
PHOENIX STUDIO DANCE a.s.d.
  • cod.fisc./p.iva: 08563590960
  • Via Andrea Maria Ampère 103
  • 20131 Milano (MI)

Come raggiungerci in METRO:

  • Lambrate/Piola/Loreto
  • Pasteur/Udine

Come raggiungerci in BUS:

  • Via Porpora/Via Ampère (81)
  • Via Teodosio/Via Casoretto (55/62)
  • P.zza Durante (55)
Follow us

Clicca “mi piace” sulla nostra pagina facebook per rimanere sempre aggiornato su ogni nostra nuova iniziativa!

Visita il nostro canale Youtube video!

Seguici su Instagram!

contatti

Orari segreteria:

  • h.11,00/h.23,00 cell. (o Whatsapp)
  • h.17,00/h.23,00 tel. fisso
info crediti & privacy

Loghi e Marchi del sito Phoenix sono di proprietà dei loro legittimi proprietari.

2014 - phoenix a.s.d. tutti i diritti riservati